16 August 2018

Amici a primavera

«Il libro parla di due bambini di nome Valerio e Matteo. Matteo dava da mangiare agli uccelli, invece Valerio faceva delle trappole per catturarli. Un giorno Matteo e Valerio si misero a litigare e a dirsi cose cattive. Così cominciarono a farsi i dispetti e gli uccellini non riuscirono più a mangiare. Allora il papà di Valerio costruì un muro per separare le due famiglie. Però le mamme dei bambini non volevano questo muro e così decisero di abbatterlo. Finalmente gli uccellini tornarono ad occupare il grande cortile. Il personaggio che ho preferito è Matteo perché si dava da fare per sé e per la sua famiglia. Il libro mi è piaciuto un po’ perché è molto bella la parte finale, ma la prima non tanto. La frase che mi ha colpito di più è:”al mattino seguente la primavera e gli uccelli cinguettanti occupavano tutto il grande cortile davanti alle case di Valerio e Matteo”. Mi è piaciuta perché prima la primavera c’era solo da un lato, ora c’è da tutti e due i lati, e perché Valerio non catturò più gli uccelli e così  genitori, bambini e uccelli vissero felici e contenti in un unico grande cortile.»

Letizia Manzo

3° A , I.C. Alfieri (Plesso E. Codignola)

sito web estra