16 July 2018

Il mio voto a questo libro è dieci, perché fa capire tante azioni brutte, che noi facciamo ogni giorno e che dovremmo toglierci il vizio di compiere. A me è piaciuto molto e non è neanche “pesante”, è semplice e lineare.
Il personaggio che ho preferito è la figlia dell’autore, per la sua voglia di scoprire sempre nuove cose su questo brutto fenomeno.
Consiglierei questo libro a tutti, anche ai più piccoli, affinché si possa prendere coscienza da subito del mondo in cui viviamo, per poterlo migliorare assieme.
La frase che ho preferito è “non è normale che uno disprezzi un altro perché ha un colore diverso della pelle”. Questa frase mi ha fatto riflettere, ho pensato che da subito dobbiamo cambiare, e accettare ogni persona, coloro che svolgono vari lavori, pur di scappare da una vita difficile, per ricominciarne un’altra, sperando che sia migliore.
Enrico Pedace
3° G, Anna Frank

sito web estra