28 July 2017

La bambina del treno

«Il libro parla di una bambina che partì con un treno in un campo di concentramento con la mamma; nel treno la bambina disse alla mamma che aveva fame, ma essa le rispose che il cibo se lo erano preso i capo treno; sentiva questa vocina un vecchietto affianco alla bambina le porse un pezzo di pane e lei lo accettò. Anna la bambina vide dal finestrino del treno un bambino di nome Jarek il quale la salutò. Jarek ogni giorno correva nell’erba alta ad osservare tutti i vagoni che passavano. Un giorno la mamma stanca di tutti ciò disse a Jarek che se avesse continuato ad andare a vedere i treni, prima o poi i soldati lo avrebbero ucciso. A me è piaciuto i libro perché parla di una storia sui campi di concentramento e i protagonisti principali che sono Anna e Jarek sono dei bambini tristi. Consiglio di leggerlo perché la storia degli ebrei che sono stati portati nei comuni di Auschiwitz è importante conoscerla».
Simone Bubba
3° B, I.C. V. Alfieri (Plesso E. Codignola)

sito web estra