26 July 2017

Il monaco goto

«Goto è un combina guai. Si sente a disagio con i bambini latini, più bravi di lui. Goto ama i monaci di Montecassino perché loro aiutano i goti e latini. Infatti Goto entrerà nella casa dei Monaci per potersi rendere utile e per riuscire bene nelle sue cose, pregherà ogni sera il Signore. Nel convento troverà la felicità anche se non sarà bravo a falciare la sterpaglia del lago. San Benedetto lo accoglierà e lo tratterà con affetto. La storia di Goto ci insegna che pregare Gesù ci aiuta a riuscire nelle nostre azioni e a vivere sereni».
Alessandro De Rose
3° B, I.C. V. Alfieri (Plesso E. Codignola)

sito web estra